Matteo Soltanto | pittore e scenografo | artist and set designer




 
Matteo Soltanto,
scene e costumi per:

I DRAMMI DIDATTICI
di Bertolt Brecht

con Gianluca Balducci, Woody Neri, Sandra Passarello. 
E con Walter Coluccelli, Stefano Dotta, Camillo Grandi, 
Nicola Ingoglia, Iole Mazzetti, Fabio Molinari, Cristina 
Nuvoli, Deborah Quintavalle, Moreno Rimondi, Roberto Rizzi.

Regia - Gabriele Tesauri
Scenografia e costumi - Matteo Soltanto
Luci - Francesca Zarpellon
Musiche - Fabrizio Tavernelli
Partitura melodica dei testi - Sandra Passarello
Direttore di scena - Davide Capponcelli
Fonico - Pierluigi Calzolari
Realizzazione costumi - Elena Dal Pozzo
Assistente alla regia - Nicola Berti

Nuova Scena - Arena del Sole - Teatro Stabile di Bologna
Associazione Arte e Salute Onlus

ARENA DEL SOLE - Sala InterAction, Bologna
dal 25 al 28 gennaio 2007
dal 31 gennaio al 4 febbraio 2007
dal 10 al 20 gennaio 2008

Matteo Soltanto,
set design and costumes for:

TEACHING PLAYS
by Bertolt Brecht

with Gianluca Balducci, Woody Neri, Sandra Passarello. 
And with Walter Coluccelli, Stefano Dotta, Camillo Grandi, 
Nicola Ingoglia, Iole Mazzetti, Fabio Molinari, Cristina 
Nuvoli, Deborah Quintavalle, Moreno Rimondi, Roberto Rizzi

Direction - Gabriele Tesauri
Sets and costumes - Matteo Soltanto
Light design - Francesca Zarpellon
Music - Fabrizio Tavernelli
Songs melodies - Sandra Passarello
Set director - Davide Capponcelli
Sound - Pierluigi Calzolari
Tailor - Elena Dal Pozzo
Direction assistant - Nicola Berti

Nuova Scena - Arena del Sole - Teatro Stabile di Bologna
Arte e Salute Onlus Association

ARENA DEL SOLE - InterAction Hall, Bologna
from January 25th to January 28th, 2007
from January 31th to February 4th, 2007
from January 10th to January 20th, 2008


Lo spettacolo di Gabriele Tesauri, che con Drammi Didattici firma la sua prima regia all’Arena del Sole, porta in scena due tra i più importanti lavori di Brecht, Il consenziente e Il dissenziente e L’eccezione e la regola – piccoli capolavori di semplicità e rigore che l’autore trasse da parabole che raccontano storie quotidiane. Oltre agli attori di Arte e Salute - l’associazione nata con lo scopo di intrecciare il lavoro che si svolge nel campo della salute mentale con il lavoro artistico - Tesauri si avvale per questo spettacolo di Gianluca Balducci, già interprete in passato in alcune produzioni di Nuova Scena e oggi impegnato anche nel cinema, Woody Neri, formatosi alla Scuola di Teatro di Bologna “Alessandra Galante Garrone” e vincitore nel 2005 del Premio Hystrio alla Vocazione, e Sandra Passarello che associa alla recitazione la passione per il canto e la musica popolare.

La necessità e l’attualità delle parole di Brecht sono state il motivo di questa messinscena che ha offerto agli attori della Compagnia Arte e Salute la possibilità di sperimentare, da un lato il difficile rapporto con il pubblico su temi di grande spessore come la malattia, la giustizia sociale, il pregiudizio, la violenza, dall’altro, ancora una volta, il rapporto con attori provenienti da percorsi professionali tradizionali. «Tra i due gruppi di attori - spiega Tesauri - avviene durante le prove uno scambio molto vitale: gli attori di Arte e Salute mettono in campo la loro capacità di utilizzo della fantasia, dell’improvvisazione, di immedesimazione nel personaggio, mentre gli attori esterni trasmettono alla compagnia la ricchezza dei propri percorsi individuali.»

Il regista ha cercato di attualizzare questi drammi, lavorando soprattutto sulla musica: «Ho cercato - spiega il regista - di non utilizzare le musiche di Weill se non come pretesto: a Fabrizio Tavernelli, dj e musicista, ho chiesto delle sonorità familiari al pubblico delle scuole, degli studenti, un pubblico a cui già Brecht aveva pensato. Per fare questo utilizzare la musica di Weill avrebbe significato allontanare il testo, renderlo estraneo alla nostra sensibilità: c’è sempre il rischio della commemorazione, e allora ho deciso si utilizzare una musica da discoteca, una musica completamente di plastica, una musica mp3». Sandra Passerello, specializzata in musica corale ed etnica, ha composto invece la partitura melodica dei testi. «Un altro contributo fondamentale - sottolinea Tesauri - è stata la proposta dello scenografo Matteo Soltanto di allontanare i luoghi dei Drammi in un futuro parallelo e acido, che il disegno delle luci di Francesca Zarpellon ha saputo fotografare con la giusta sensibilità. Il tessuto favolistico della scrittura ci ha infatti permesso di spostare l'azione tra montagne e deserti che sembrano usciti da B-movies di fantascienza. Luoghi che, per la loro semplice nitidezza e la loro magia, consentono alle parole di Brecht di uscire allo scoperto e rivelarsi come un giusto monito a cui diventa difficile sottrarsi.»


da Il Corriere della sera - Bologna, Massimo Marino, 30/1/2007
'Drammi didattici' rivela una generazione di creatori bolognesi tra i trenta e i quarant’anni di assoluto valore: il regista Gabriele Tesauri, lo scenografo Matteo Soltanto, inventore di una scena di rami ingessati, un musicista, Fabrizio Tavernelli, che trasforma le musiche di Hanns Eisler in techno e rap. (…) Teatro terapeutico? Prima di tutto, grande teatro.

.

 

 







 









.
 
BACKSTAGE
.
Woody Neri, Davide Capponcelli, Gianluca Balducci
.
Woody Neri e Gianluca Balducci
Costumi: Matteo Soltanto - Realizzazione costumi: Elena Dal Pozzo
.

     

_
Matteo Soltanto | pittore e scenografo | Matteo Soltanto | artist and set designer